I nostri eventi
Eventi
Amici ...

Libri Vari


Immobiliare Dell'Uomo
Viaggio a New York
New York
Streaming Radio Cooperativa
BluesIl martedì sera alle 22,30, ogni due settimane, siamo in onda (Silvia, Adriano e Mario) in diretta sulle frequenze di Radio Cooperativa con la trasmissione "Infinitamente Blues", serate a tema su questo genere musicale e i suoi molti "cugini".
The fireplacesMartedì 7 giugno a Infinitamente Blues (ore 22,30), abbiamo avuto ospiti in studio due componenti della band The Fireplaces (i Caminetti): Caterino "Washboard" Riccardi e Carlo Marchiori, voce, chitarra e armonica.
Nati nel 2009, i Fireplaces vivono il loro momento magico nel 2013 quando, durante un concerto di Bruce Springsteen allo stadio Euganeo di Padova, Caterino può suonare assieme ad uno dei suoi idoli la"washboard", la tavola per bucato, diventata uno strumento di accompagnamento.
A dicembre 2014 esce il loro primo CD, con dieci canzoni scritte da Caterino e da Carlo Marchiori, dal titolo "Shelter from the storm", come la canzone del 1973 di Bob Dylan.
Già ... le canzoni degli anni '70 sono un altro punto fermo della musica del gruppo.
Nella puntata di Infinitamente Blues ci hanno raccontato la loro storia, abbiamo ascoltato la loro musica, con un brano dal vivo a cui si è accodato Adriano con l'armonica. Una bella serata, che potete (ri)ascoltare cliccando qui sotto.

 
Swing italanoPer la prima volta la scaletta di Infinitamente Blues comprende TUTTE E SOLO CANZONI ITALIANE. Tema della serata è "Lo swing italiano" che si è sviluppato da noi negli anni dai 30 ai 50, un periodo in cui fare della musica mutuata dall'America non era né semplice né consigliabile, un periodo in cui si preferiva chiamare Louis Armstrong Luigi Fortebraccio, tanto per capire che aria tirava. Sono stati i vari Rabagliati, Otto, Buscaglione, Gorni Kramer, Pippo Barzizza e molti altri a invadere il nostro paese con musiche e melodie derivate dallo swing di Kansas City e New York, dalle orchestre dei più grandi: Count Basie e Duke Ellington. Lo swing però non muore affatto con loro. Ascolteremo anche quello degli anni successivi (Gaber, Luttazzi, Arigliano) fino ai giorninostri con Renzo Arbore, Vinicio Capossela, Sergio Caputo, Francesco Baccini, ... Insomma una puntata decisamente diversa dal solito e, forse per questo, da non perdere.
 
Club dei 27Martedì 10 maggio alle ore 22,30 a Infinitamente Blues è andata in onda una puntata dedicata al club dei 27. Come tutti gli amanti della musica sanno, il nome “club dei 27” nasce nel 1971, quando si deve osservare che, nel giro di due anni, se ne sono andati quattro miti della musica: Brian Jones, Jimi Hendrix, Janis Joplin e Jim Morrison. Tutti ventisettenni e tutti con una “J” nel nome o nel cognome.
E’ certamente solo una coincidenza, ma i biografi cominciano la ricerca e ne scoprono altri, molti altri, più di 50 a partire dal primo, Alexandre Levy, nel 1892, all’ultimo, Tomas Lowe, nel febbraio di quest’anno.
Ascolteremo alcuni brani dei più famosi di questi personaggi, da Robert Johnson ad Amy Winehouse, anche per capire quanto abbiamo perso con la loro prematura scomparsa.

 
Odea Matthews
Puntata riassuntiva questa di Infinitamente blues. Presentiamo personaggi di spicco del blues e del rock-blues. Grandi chitarristi come Albert King, Joe Bonamassa, John Mayall, Eric Clapton con i Cream e gli Yardbirds. Grandi voci come Aretha Franklin, Etta James, Eva Cassidy e Ray Charles. Gruppi storici come i Ten Years After, gli ZZ Top, gli Allmann brothers e poi la struggente voce dal carcere di Odea Matthews. E ancora Wilson Pickett, Van Morrison, Lightnin' Hopkins, per chiudere con una dolce ballata d'amore di Bob Dylan.

 
Nick BecattiniUna puntata "tradizionale" in cui il blues la fa da padrone con qualche incursione country.
Abbiamo inserito in scaletta alcuni artisti non proprio conosciutissimi, come Otis Spann, Leon Russell, Magic Sam, Champion Jack Dupree.
Assieme a loro alcuni grandi bluesmen italiani: Roberto Ciotti, Nick Becattini e Guido Toffoletti.
Non mancano i big: da Bo Diddley a Muddy Waters, da Jimi Hendrix a Bob Dylan e ai Rolling Stones. Come sempre ottima musica, da ascoltare.

 
Emerson Lake & PalmerChe fine hanno fatto? Ce lo chiediamo, in questa puntata, per cantanti e gruppi tra i più importanti degli anni 80 e 90 spesso partecipi del movimento new wave. In realtà molti di questi artisti hanno prodotto anche recentamente lavori, ma a volte il loro splendore si è un po' appannato e sono spariti dai radar del grande pubblico.
Cominciamo con gli Evanescence, passando attraverso una serie di nomi eccellenti: Cure, George Michael, Iggy Pop, Manà, Guns N' Roses, Simple Minds, Jarabedepalo, Bruce Hornsby, Joe Jackson, Billy Idol, Eurythmics, Sade e, come tributo per un grande tastierista scomparso da pochi giorni, Emerson Lake & Palmer. Riassumiamo brevemente le loro carriere e ascoltiamo brani indimenticabili. Buon ascolto.

 
Mardi grasAd una settimana dal martedì grasso, dedichiamo questa puntata proprio alle celebrazioni di queste feste, ricche di allegria, di sfilate, di maschere e soprattutto di tanta musica. Cominciamo da New Orleans, dove si svolge uno dei più tradizionali carnevali del mondo, quel "Mardi Gras" a cui sono stati dedicati scritti, poemi e film. La casa del dixie (e del Jazz in generale) ci accoglie con alcuni brani dei suoi figli: da Louis Armstrong a Jelly Roll Morton e Sidney Bechet. Ma non è solo Jazz: ascoltiamo altre canzoni ispirate, in un modo o nell'altro, al carnevale: da Paul Simon a Perry Como, da Norah Jones a Harry Belafonte. Non mancano i brani più vicini al blues, come quelli che ci regalano Eric Clapton, Earl King Johnson e Carlos Santana. Chiudiamo, dopo un passaggio italiano con Caterina Caselli, immergendoci nel samba di Rio de Janeiro, probabilmente la capitale mondiale del Carnevale, ascoltando il celeberrimo trio delle Bellini.
Buon ascolto.
 
1966La puntata è dedicata al 1966, un anno importante per la musica e non solo. Un anno che apre un decennio straordinario, con nuovi generi e nuovi grandi gruppi dai Doors ai Led Zeppelin, dai Pink Floyd ai The Jimi Hendrix Experience e molti altri. I Beatles si stanno avviando verso la fine della loro carriera come gruppo ma producono un album strardinario: Revolver. Anche i Rolling Stones abbandonano il blues e producono il primo lavoro firmato dai loro componenti. Cerchiamo di seguire gli avvenimenti musicali di questi 12 mesi con una scaletta ricca di canzoni spettacolari, amatissime all'epoca soprattutto da ragazze e ragazzi e che non dimostrano affatto i loro 50 anni di età. Accanto ai due superbig inglesi, incontriamo i Beach Boys, Donovan, Jimi Hendrix, i Doors, Nancy Sinatra, Simon & Garfunkel e molti altri come i Troggs, i Lovin' Spoonful, i Bluesology forse meno conosciuti ai più, ma nel cuore di chi quegli anni li ha vissuti. Buon ascolto.
 
Altri articoli...
Infinitamente Blues
Infinitamente Blues

blues

Black&Blue
Il Jazz a Radio Cooperativa
I nostri artisti
I nostri artisti